Per organizzare iniziative di dibattito e di confronto su tematiche generali di ambito sanitario: es. analisi scenari evolutivi, monitoraggio di indicatori regionali e provinciali su evoluzione dei bisogni e analisi della struttura dell’offerta sanitaria provinciale, dibattiti con forze politiche ecc.

Costituzione del Forum Sanità

logo_forum_sanitaNelle ultime settimane il dibattito sulle prospettive e sui problemi della sanità ferrarese ha visto una brusca accelerazione indotta anche dall’incertezza sulle linee e sugli obiettivi che la nuova giunta regionale intende dare alla pianificazione sanitaria regionale.

La sanità ferrarese oggi appare in piena fase di transizione. Si è indubbiamente compiuto, negli ultimi anni, un grande sforzo per far rientrare la sanità ferrarese negli standard regionali.

In particolare l’azione programmatoria della Regione e l’azione dei vertici della sanità Ferrarese negli ultimi anni si è concentrata su alcuni obiettivi prioritari, tra cui l’avvio, tra mille polemiche, dell’Ospedale di Cona, un maggiore coordinamento ed integrazione tra le due aziende della provincia, l’avvio sperimentale delle due case della salute di Copparo e Portomaggiore, la ristrutturazione funzionale dell’anello del vecchio S. Anna (La cosiddetta Cittadella della salute), il potenziamento della medicina del territorio ecc.. Obiettivi da realizzare sotto i vincoli sempre più stringenti della necessità di risanamento dei conti e della spending review.

Questo sforzo tuttavia ha lasciato sul campo molti problemi irrisolti, molte criticità.

Per non citare, ancora una volta, l’annoso problema dei tempi di attesa per le visite specialistiche, la crescente concorrenza ed attrazione delle realtà sanitarie del Veneto. Per non parlare poi del nodo tuttora irrisolto dell’ex San Camillo di Comacchio, cui le proposte di destinazione d’uso continuano a trovare resistenze nella popolazione comacchiese.

In questo quadro contribuiscono a generare allarmismo ed un diffuso senso di disagio tra gli operatori e tra la popolazione anche le preoccupazione sul ruolo e sul futuro della sanità ferrarese nel quadro delle aree vaste di Bologna o della Romagna. Per non parlare poi delle preoccupazioni del mondo universitario di una possibile marginalizzazione e depotenziamento della Scuola di medicina di Ferrara, rispetto al peso e l’importanza crescente dell’Università di Bologna.

E’ nota la volontà dell’Assessore regionale alla Sanità di procedere alla sostituzione dei vertici di tutte le aziende sanitarie regionali e la scelta dei nomi per le aziende ferraresi non sarà ininfluente rispetto alle prospettive ed alla collocazione della sanità ferrarese.

La segreteria provinciale del Pd ritiene utile, in questa fase, riaprire un confronto nel partito e tra gli operatori del settore e gli Amministratori locali sulle prospettive della sanità ferrarese.

Il congresso del partito democratico provinciale

Nelle prossime settimane (mese di marzo) si terrà il Congresso del Partito Democratico di Ferrara ed a seguire, nel mese di aprile, il Congresso Regionale del Partito.

Tra i punti qualificanti della discussione congressuale, il tema della sanità occuperà un posto centrale.

A tal fine e per favorire e sviluppare un più ampio coinvolgimento dei cittadini e degli operatori del settore nella discussione, si ritiene utile ed opportuno attivare ed utilizzare uno strumento già previsto dallo Statuto del Partito come il FORUM TEMATICO di discussione e partecipazione.

FINALITA’ GENERALI DI UN FORUM TEMATICO SULLA SANITA’ FERRARESE,

Con il Forum della sanità il PD intende attivare un luogo (fisico ma anche virtuale con proprio sito internet) di discussione e approfondimento e di studio, con caratteristiche di inter-professionalità (medici, infermieri, operatori servizi no core, sindacati Sindaci ed Amministratori pubblici), aperto al contributo ed alla partecipazione degli organismi dirigenti del partito, compresi i direttivi dei circoli, agli esperti, ai cittadini ed agli elettori interessati alle problematiche sanitarie.

Il Forum viene costituito dunque:

– per organizzare iniziative di dibattito e di confronto su tematiche generali di ambito sanitario: es. analisi scenari evolutivi, monitoraggio di indicatori regionali e provinciali su evoluzione dei bisogni e analisi della struttura dell’offerta sanitaria provinciale, dibattiti con forze politiche ecc.

– Organizzare e promuovere momenti di confronto con tavoli istituzionali (sindaci, consiglieri comunali, direzioni di aziende sanitarie, associazioni di categoria);

– Contribuire all’elaborazione di documenti e proposte da portare in discussione dentro il partito come contributo alle tesi congressuali.

La prima riunione del Forum è convocata per il giorno:

Venerdì 20 febbraio alle ore 17.00 presso il Circolo PD “A. Lambertini“ di Via Bologna, 218:

Ordine del giorno della Riunione:

Buriani Massimo

Resp. Sanità – Segreteria Provinciale PD Ferrara

Tags: ,

Filed under:Comunicati stampa

Verbale Forum – prima riunione

Ferrara, 20 02 2015 ore 17.00 – Circolo Lambertini

VERBALE DELLA PRIMA RIUNIONE DEL FORUM SANITA’

Il giorno 20 febbraio 2015, presso il circolo PD “Lambertini” di Via Bologna, si è tenuta la prima riunione del FORUM tematico sulle prospettive della sanità ferrarese.

Alla riunione hanno partecipato numerosi esponenti e protagonisti della sanità ferrarese (circa 40) tra cui medici, infermieri, direttori di distretto e di dipartimento, esponenti del terzo settore (volontariato e cooperazione), oltre che a componenti della direzione PD ed Amministratori pubblici.

 

Ha aperto i lavori del Forum Massimo Buriani a nome della Segreteria Provinciale del PD richiamando le ragioni per cui la segreteria ha ritenuto utile in questa fase riaprire un confronto nel partito e tra gli operatori del settore e gli Amministratori locali sulle prospettive della sanità ferrarese.

 

La sanità ferrarese oggi appare in piena fase di transizione: si è indubbiamente compiuto, negli ultimi anni, un grande sforzo per rientrare negli standard regionali. …

In particolare l’azione programmatoria della Regione e l’azione dei vertici della sanità Ferrarese, concretizzata nella attuazione del “Piano strategico 2013-2015, si è concentrata su alcuni obiettivi prioritari: avviare l’Ospedale di Cona; aumentare i livelli di coordinamento e di integrazione tra le due aziende della provincia; far decollare, almeno in via sperimentale, le due case della salute a Copparo e a Portomaggiore.

Questo sforzo tuttavia ha lasciato sul campo molti problemi irrisolti, molte criticità ed il sospetto, diffuso soprattutto nei Presidi Ospedalieri di base (Delta, Argenta e Cento), che l’avvio di Cona possa sottrarre risorse e potenzialità a quegli ospedali.

Per non citare ancora una volta l’annoso problema dei tempi di attesa per le visite specialistiche, della crescente concorrenza ed attrazione delle realtà sanitarie del vicino Veneto, percepite dalla popolazione come più efficienti e rapide nelle risposte (Santa Maria Maddalena ed Ospedale di Adria) e del nodo tuttora irrisolto nel rapporto con la popolazione comacchiese, della destinazione San Camillo di Comacchio.

In questo quadro hanno contribuito a generare allarmismo ed un diffuso senso di disagio tra gli operatori anche le preoccupazione sul ruolo e sul futuro della sanità ferrarese nel quadro delle aree vaste di Bologna o della Romagna. Per non parlare poi delle preoccupazioni degli universitari di una marginalizzazione e depotenziamento della Scuola di medicina di Ferrara, rispetto al peso ed alla importanza crescente dell’università di Bologna.

 

In questo quadro Il Forum tematico della sanità ferrarese viene costituito:

– per organizzare iniziative di dibattito e di confronto su tematiche generali di ambito sanitario: es. analisi scenari evolutivi, monitoraggio di indicatori regionali e provinciali su evoluzione dei bisogni e analisi della struttura dell’offerta sanitaria provinciale, dibattiti con forze politiche ecc.

– Per Organizzare e promuovere momenti di confronto con tavoli istituzionali (sindaci, consiglieri comunali, direzioni di aziende sanitarie, associazioni di categoria);

– Contribuire all’elaborazione di documenti e proposte da sottoporre alla discussione dei circoli nell’ambito della fase congressuale.

Il Forum Sanità non vuole comunque esaurire la sua funzione nel contributo alla discussione congressuale, ma si auspica possa diventare anche un luogo permanente di discussione, di monitoraggio e di analisi sui temi della salute, aperto al contributo di esperti e di operatori, e quindi anche luogo di formazione politica e di consultazione per gli stessi organismi dirigenti che usciranno dal Congresso oltre che per gli Amministratori locali.

  Read the rest of this entry »

Tags:

Filed under:Documenti

Le proposte del PD per la riorganizzazione della rete dei servizi sanitari ospedalieri e territoriali a Ferrara

documento prodotto nel 2011 dopo la Conferenza Programmatica di Portomaggiore
ospedale-cona-2Il PD ferrarese condivide queste posizioni politiche nazionali avendole già parzialmente declinate nella realtà locale con la Conferenza Programmatica di Portomaggiore.

Le grandi idee-chiave su cui si è lavorato nella Conferenza per interpretare i processi di trasformazione in atto relativamente alla rete dei servizi sanitari ospedalieri e territoriali sono stati l’integrazione dei servizi sociali e sanitari, la sostenibilità del sistema sanitario locale, i processi d’innovazione organizzativa.

 

Dove L’INTEGRAZIONE non è stata vista solo come un fine ma un modo per raggiungere un obiettivo di ricomposizione e di riunificazione del bisogno, mettendo davvero al centro della politica sociale e sanitaria la globalità della persona e le sue capacità affinché il cittadino da “utente” diventi “agente” della sua salute e del suo benessere.

 

La sostenibilità è vista come un mezzo necessario ma non sufficiente per evitare che i costi dell’assistenza diventino maggiori dei benefici prodotti. La condizione primaria per la sostenibilità è la produzione del benessere in un quadro di buona gestione e buona funzionalità del sistema sanitario. Ma in questa chiave politica si è valutato quanto sia importante l’integrazione socio-sanitaria anche per fini di sostenibilità. Quanto sia importante il territorio come principale “campo di realizzazione” della sostenibilità.

La sanità come anche i servizi sociali hanno bisogno tuttavia di innovazione tecnologica ed organizzativa e non soltanto in ambito clinico e diagnostico. Salvaguardare la salute in quadro di sostenibilità ed integrazione, significa ad esempio ricostruire profondamente il rapporto tra la medicina del territorio e reti ospedaliere. Significa anche ridefinire come l’ospedale riconosce e parla con il territorio attraverso i processi di razionalizzazione della rete ospedaliera per intensità di cura e secondo i principi del modello di specializzazione funzionale “hub and spoke”.

 

E’ grazie ai processi di innovazione, razionalizzazione e riorganizzazione della sanità che regioni “virtuose” come l’Emilia-Romagna, la Toscana, (ma anche la Lombardia, il Veneto, le Marche), hanno potuto reggere finora alle continue riduzioni ed ai tagli dei fondi nazionali sul welfare senza intaccare fino ad oggi in maniera significativa la qualità e quantità dei servizi sociali. E senza strumenti per l’integrazione sociale e sanitaria come il Fondo Regionale per la Non Ausosufficienza (FRNA), che attinge risorse dalla sanità regionale, non avremmo potuto reggere nel 2011 e nel 2012 il nostro sistema ferrarese di welfare.

  Read the rest of this entry »

Tags: , ,

Filed under:Proposte

Documenti utili alla discussione

STANDARD RETE OSPEDALIERA- 5 08 14

Rapporto OCSE

PIANO SANITARIO 2013 2016

INTESA STATO REGIONI – PATTO SALUTE 2014-2016

CTSS-12dic2013_materiale-AzUSL_10dic2013

Copia di slide CTSS 21 gennaio 2015 ultima

Appunti per il dibattito 22 gen 14

2012 – Patto per la Salute 2013-2015

Tags: , ,

Filed under:Documenti